Storie
12:11, 15 mar 2021

Open innovation per il commercio: arriva Retail for the Future

Stefano Azzalin
Stefano Azzalin
Ceo dpixel
Condividi
I tecnologici carrelli utilizzati negli store Amazon Fresh (MediaNews Group/Orange County Register via Getty Images)
I tecnologici carrelli utilizzati negli store Amazon Fresh (MediaNews Group/Orange County Register via Getty Images)
.

Un modo nuovo di fare innovazione, con la collaborazione continua tra imprese e startup. Ma anche un programma per premiare e far crescere le giovani startup e i talenti di tutto il mondo, applicando in contesti reali le loro idee innovative.

English version

Senza trasformazione digitale non c'è futuro. Anche nel settore del commercio, che oggi si trova a dover affrontare oltre alle misure introdotte per arginare la pandemia, anche il consolidamento di abitudini nuove da parte dei consumatori, che faranno sempre più parte della cosiddetta "nuova normalità".

Parola d'ordine, dunque, evoluzione, innovazione. Ma come fare per favorire lo sviluppo all'insegna di progetti innovativi, di forte impatto sul settore e in grado di soddisfare le rinnovate esigenze di imprese e clienti? 

Una risposta sta senza dubbio nella collaborazione, in ottica open innovation, tra imprese e startup. Un modo per convogliare le nuove idee delle startup, che trovano applicazione anche grazie all'utilizzo di tecnologie avanzate e di frontiera, verso le esigenze reali che manifestano le imprese per il loro business. 

Ed è proprio con questo intento che nasce "Retail for the Future", un programma di accelerazione per startup, a livello europeo, per individuare le soluzioni più innovative da introdurre sul mercato grazie alla collaborazione continua con le imprese partner. Il programma è organizzato dal gruppo Sella e dal suo incubatore certificato dpixel in collaborazione con l'acceleratore Retail Hub.

L'iniziativa prevede fasi di selezione, affiancamento e crescita delle migliori startup europee del settore per accelerarle e sostenerle nello sviluppo di soluzioni tecnologiche innovative da applicare in ambito retail.

Il programma si sviluppa su un arco di 16 settimane, in cui le startup selezionate riceveranno i servizi di mentoring, capitali a supporto per una prima accelerazione e know-how per affinare il loro progetto. Mentre le imprese partner dell'iniziativa avranno modo di orientare la fase di scouting sulla base dei fabbisogni espressi per poi, in una seconda fase, avviare collaborazioni con le startup selezionate. Il percorso di accelerazione - aperto a quelle startup che rispettano i requisiti di solidità e innovazione indicati sul sito di dpixel dedicato al programma - prevede ulteriori momenti di selezioni intermedie. Accederanno infatti al programma le 20 migliori startup, che saranno man mano selezionate fino ad arrivare alle 5 vincitrici che saranno supportate nelle fasi d'incontro ed eventuale collaborazione con le imprese partner.

Tanti i possibili ambiti di competenza delle startup: dall'intelligenza artificiale al deep and machine learning, dal cloud computing all'internet of things, dalla realtà aumentata alla blockchain. Tecnologie innovative che possono essere applicate al mondo del retail per sviluppare soluzioni innovative in ambito e-commerce, supply chain and logistic tech, smart payments, sicurezza e con attenzione particolare ai temi della sostenibilità.

Per le imprese partner il percorso di accelerazione rappresenta un'opportunità per co-sviluppare una soluzione ad un proprio problema specifico del settore retail, in modo rapido ed accedendo alle migliori competenze offerte dalle startup. La partecipazione alle diverse fasi del programma, dallo scouting alle selezioni successive, permette inoltre di contribuire a orientare al meglio la ricerca su ambiti di proprio interesse.

Un modo nuovo di fare innovazione, con la collaborazione continua tra imprese e startup. Ma anche un programma per premiare e far crescere le giovani startup e i talenti di tutto il mondo, applicando in contesti reali le loro idee innovative.