Notizie
15:01, 23 mar 2021

La Sella Data Challenge entra nel vivo: le startup si sfidano per sviluppare nuove soluzioni

Le startup e scale up selezionate hanno ora due mesi e mezzo di tempo per realizzare concretamente la loro idea. Alla realtà che si aggiudicherà il primo posto verranno riconosciuti 15 mila euro per sviluppare e testare con Banca Sella la soluzione individuata

Condividi
Getty Images
Getty Images

English version

Sono 8 le startup e scale up che sono state selezionate per la Sella Data Challenge, la competizione organizzata da Banca Sella in collaborazione con il Fintech District, rivolta alle realtà fintech per individuare nuove soluzioni per personalizzare l'offerta di prodotti e servizi ai clienti grazie all'utilizzo e all'analisi dei dati. 

Complessivamente sono arrivate ben 54 candidature per accedere al programma. Tante le realtà italiane ma numerose anche le richieste provenienti dall'estero, sia dall'Europa che da paesi extra europei. Numeri che testimoniano l'interesse per questa particolare competizione e allo stesso tempo lo stato di salute del settore. 

Dopo una prima selezione che ha ristretto a 16 i candidati, sono state quindi scelte le 8 realtà che avranno ora due mesi e mezzo di tempo per realizzare e presentare la loro idea attraverso un prototipo funzionante, una demo, una applicazione o semplicemente un "proof of concept".

Virtual B, Premoneo, Bid Company, Cardo AI, Galileo XA, Utego, Vidyasoft e Altilia sono le 8 startup e scale up che ora si confronteranno per aggiudicarsi il primo posto e ottenere i 15mila euro in palio per il vincitore per sviluppare e testare con Banca Sella la soluzione individuata.  

La Sella Data Challenge è un'iniziativa organizzata in collaborazione con il Fintech District - la community punto di riferimento per l'innovazione dell'industria dei servizi finanziari, in cui fintech, corporate e operatori finanziari tradizionali possono collaborare per dare vita a progetti di open innovation attraverso sinergie industriali e commerciali, sviluppando nuovi servizi e attraendo investimenti - e Fabrick, il primo attore nato in Italia con l'obiettivo di favorire l'open finance definendo nuovi modelli di business e di servizi bancari.