Storie
14:35, 12 feb 2021

Sellalab compie 8 anni: formazione e supporto alle imprese all'insegna dell'open innovation

Un momento del BiDigital, l´evento organizzato da Sellalab nel 2019 presso gli spazi del Lanificio Maurizio Sella
Un momento del BiDigital, l´evento organizzato da Sellalab nel 2019 presso gli spazi del Lanificio Maurizio Sella

English version

La piattaforma d'innovazione del gruppo Sella, SellaLab, ha compiuto otto anni. Un traguardo importante per una realtà che nel tempo si è consolidata ed è cresciuta fino ad avere sei sedi sul territorio: oltre a Biella anche Milano, Torino, Salerno, Lecce e Padova.

Una delle principali caratteristiche di Sellalab è quella di intercettare i nuovi trend dell'innovazione, anticipando i tempi, con l'obiettivo di supportare la crescita delle imprese e i loro processi di open innovation e di trasformazione digitale.

In questo contesto, l'anno che si è da poco chiuso è stato particolare per chiunque, e anche Sellalab ha dovuto ripensare il proprio modello di business in funzione degli eventi e in vista di ciò che oggi è la "nuova normalità".

Dall'inizio della pandemia tutte le attività svolte da Sellalab sono state riviste in chiave ancora più digitale: i numerosi eventi che ogni anno sono organizzati nelle sedi territoriali si sono trasformati in formato webinar. Un cambiamento che ha tolto il contatto diretto, ma che ci ha permesso di raggiungere una platea ancora più ampia, contribuendo così alla crescita del network e al mantenimento della relazione anche in questa situazione particolare.

Nel dettaglio nel corso dell'anno sono stati organizzati più di cinquanta eventi digitali che hanno coinvolto oltre 7500 partecipanti. Aver trasformato subito gli eventi in presenza in webinar, fin dal mese di marzo, ha permesso di mantenere vivo il rapporto con la community a cui Sellalab si rivolge in Italia e in particolare nei territori italiani in cui è fisicamente presente con un proprio spazio. 

Particolare è stato il caso della sede di Padova che si trova in una delle piazze storiche più grandi e belle d'Italia, Prato della Valle. L'attività di Sellalab è partita nel mese di aprile dello scorso anno, nel periodo del lockdown, anche per dare un segno al territorio di impegno e fiducia verso il futuro. Nei mesi successivi lo spazio è stato in grado di attrarre e ospitare co-worker negli spazi messi a loro disposizione e adeguati alle misure per contenere la pandemia, con numerose ulteriori richieste che sono arrivate nel corso dell'anno. Una tendenza che fa ben sperare in vista di un ritorno verso una "nuova normalità".

Relativamente agli altri spazi di coworking già esistenti anche Sellalab ha immediatamente adeguato ogni luogo alla indicazioni sulla sicurezza richieste. Questo, sebbene da una parte abbia in parte ridotto il numero di scrivanie a disposizione a causa delle misure di distanziamento, dall'altra non ci ha impedito di mantenere sempre attivi i nostri servizi che offriamo a startup e professionisti.

Passando al tema education, possiamo affermare che il 2020 è stato l'anno della formazione online, a tutti i livelli. Il tema innovazione-formazione rappresenta un pilastro fondamentale per le imprese che, anche a causa dell'emergenza sanitaria che stiamo vivendo, si trovano costrette a dover mettere mano il proprio modello di business: dalla trasformazione digitale all'open innovation. È a loro che Sellalab si rivolge con corsi di alta formazione destinati a fornire a manager e imprenditori gli strumenti necessari per costruire il futuro della propria impresa, un futuro dove le regole del gioco sono state stravolte in pochissimo tempo.

Tra le tante iniziative che portate avanti in questo ambito, il percorso "Innovation Manager" rivolto a CEO e manager delle imprese italiane ha raccolto il maggiore interesse, cosa che ci ha portato a organizzare 3 edizioni nel corso dell'anno con oltre 45 manager e imprenditori formati. Il percorso, progettato inizialmente per una fruizione in aula, ha dimostrato la possibilità di essere erogato e fruito con altrettanto successo online; anzi, la nuova formula da remoto con lezioni virtuali ha permesso una fruizione più comoda e un'elevata interazione tra partecipanti e docenti. Il successo di questa iniziativa è dimostrato dalla quarta edizione in partenza in questi giorni e dal lancio della quinta che prenderà il via ad aprile e dove i posti si stanno esaurendo velocemente.

La formazione non si esaurisce con i percorsi in aula come quelli appena descritti, ma travalica arrivando a forme virtuose d'incontro tra "il talento" e "l'impresa" come con il percorso OpenPMI: un percorso di 4 mesi, rivolto esclusivamente alle PMI italiane, dove giovani laureati di talento lavorano per individuare soluzioni e progetti innovativi e concreti in grado di rispondere ai bisogni delle aziende, ed evidenziare nuove possibilità di business non ancora esplorate. L'output dei percorsi OpenPmi sono progetti d'innovazione completi, corredati da un business plan, che rispondono a una domanda specifica da parte dell'azienda, che ne valida la sostenibilità economica ed espone la quantificazione del fabbisogno finanziario. 13 le imprese che ne hanno preso parte nel corso del 2020 e che poi, successivamente, hanno assunto una parte dei giovani talenti partecipanti. Anche questo tassello, insieme agli altri, rappresenta un supporto allo sviluppo del futuro dando la possibilità a giovani di talento di entrare nel mondo del lavoro e, dall'altro, dare il proprio contributo all'innovazione delle imprese italiane. Il programma è erogato in collaborazione con la Fondazione CRT (Cassa di Risparmio di Torino), dpixel e partner terzi come le OGR - Officine Grandi Riparazioni Torino.

Seppur molto particolare, quindi, il 2020, è stato un anno che ha spinto le imprese verso una forte digitalizzazione, in alcuni casi anche "forzata", e confronto con i temi dell'innovazione. Sellalab, attraverso la propria rete, ha lavorato accanto a queste imprese per supportarle in questa fase e aiutarle ad affrontare il prossimo futuro e i cambiamenti che la nuova normalità porterà.