Scenari
20:52, 13 ott 2021

La ripresa post pandemia passa anche dall'export

Un'analisi del Rapporto sull'export realizzato dall'ufficio studi di Sace

Guido Ruggeri
Founder di Trace
Condividi
Getty Images
Getty Images

Ad inizio settembre è stato presentato il nuovo Rapporto sull'Export 2021 "Ritorno al futuro: anatomia di una ripresa post-pandemica", a cura dell'Ufficio Studi di SACE, che si propone come guida a supporto delle strategie d'impresa e dei piani commerciali all'estero. Il documento analizza lo scenario globale effettuando una classificazione mondiale e dividendo i paesi in quattro categorie, a seconda delle prospettive del recupero della quota export rispetto ai dati pre-pandemia Covid 19.

Nello scenario base, quello a maggior probabilità di accadimento, le esportazioni italiane di beni in valore cresceranno quest'anno dell'11,3%, in rialzo rispetto alle precedenti previsioni, questa dinamica varia in base ai settori ed ai problemi legati all'approvvigionamento delle materie prime ed alla logistica. 

Il recupero è migliore rispetto a quanto stimato per i principali peer europei e permetterà all'Italia di mantenere invariata la propria quota di mercato mondiale. 

Negli anni successivi la dinamica delle vendite italiane all'estero sarà più marcata rispetto ai tassi pre-pandemia. Il settore dei servizi che è risultato tra i più colpiti dagli effetti dell'emergenza sanitaria assisterà ad un recupero solo parziale nel 2021 (+5,1%) ed un pieno recupero nel 2022.

L'anno in corso evidenzia un forte recupero dell'economia mondiale grazie ad una serie di fattori tra i quali le vaccinazioni e l'allentamento di alcune misure restrittive, rimangono tuttavia potenziali divergenze nel ritorno alle dinamiche di crescita ante-crisi, con diversi Paesi che dovranno attendere almeno il 2022 per un pieno recupero del Pil.

A trainare la ripresa del commercio internazionale di beni nel 2021 saranno le prime due potenze mondiali, Stati Uniti e Cina, seguite dalle principali economie avanzate e di alcuni Paesi emergenti (quali India e Messico).

La dinamica dei servizi rimarrà ancora debole: crescita nulla, se non negativa, nel 2021 (dopo il crollo del 21,9% nel 2020), ripresa rimandata al 2022. 

Nell'analisi degli scenari SACE propone un medagliere della ripresa delineando un podio tra i Paesi rispetto all'export italiano. Il gradino più alto include Stati Uniti e Germania insieme ad alcuni mercati dell'Asia Pacifico. Medaglia d'argento per Arabia Saudita, Francia Paesi Bassi e Senegal ed al terzo posto troviamo Regno Unito Messico ed India. Ai piedi del podio troviamo Argentina e Romania ed in generale altri Paesi che scontano fragilità economiche, sociali e politiche.

Se lo scenario fosse diverso da quello prospettato, ipotizzando un clima con una fiducia ancora più forte, la crescita dell'export per le imprese registrerebbe un +14,7% nel 2021 e un +9,1% nel 2022. Nella prospettiva di una minore efficacia delle vaccinazioni invece, le ripercussioni inciderebbero sulla crescita delle esportazioni registrando un +7,2% nel 2021 ed una crescita quasi nulla nel 2022.

Per ulteriori approfondimenti sui settori, scenari e Paesi è possibile richiedere il rapporto completo a questo link  

Leggi anche: Consulenza, formazione e progetti per l'export. La piattaforma Trace compie un anno