Notizie
11:12, 27 ott 2021

Le opere di Francesco Tabusso nelle sale dell'Archivio di Stato di Torino

Condividi
Tabusso - Piazza Statuto sotto la neve
Tabusso - Piazza Statuto sotto la neve

Fino al 7 gennaio 2022 le sale juvarriane dell'Archivio di Stato di Torino affacciate sul Teatro Regio (Piazzetta Carlo Mollino 1) ospitano la retrospettiva dedicata a Francesco Tabusso. 

Promossa dall'Archivio Francesco Tabusso e dalla Direzione Artistica di Banca Patrimoni Sella & C. e curata da Veronica Cavallaro e Daniela Magnetti alla vigilia del decennale della morte dell'artista (gennaio 2012), la mostra ripercorre gli oltre sessant'anni di attività di un pittore che ha sempre  esplorato strade solitarie, al di là delle mode e dei movimenti, conquistando non solo l'apprezzamento della critica, ma anche dei non addetti ai lavori. Il progetto espositivo si avvale dei nuovi studi confluiti nel Catalogo ragionato dei dipinti dell'artista, frutto della ricognizione di un ricco materiale bibliografico e documentario e presenta una selezione di circa sessanta opere provenienti da collezioni pubbliche e private, che delineano le tappe salienti del suo cammino.

Le opere degli esordi testimoniano i primi passi mossi alla scuola di Felice Casorati, da cui Tabusso apprende non solo l'amore per il mestiere e il dialogo con i maestri antichi, ma anche la capacità di trasfigurare il reale, proiettandolo in una dimensione incantata, fuori dal tempo. Tra la fine degli anni Cinquanta e l'inizio dei Sessanta, Tabusso intensifica il dialogo con il linguaggio informale, sempre nel solco della figurazione e della pittura di racconto. Di questo periodo nelle ampie sale dell'Archivio di Stato, è esposta una selezione di opere giovanili di collezione pubblica, raccolte per la prima volta in un'antologica dedicata al pittore: la Festa Campestre che la Galleria Ricci Oddi di Piacenza acquistò alla Biennale di Venezia del 1954, i Boscaioli del Museo del Novecento di Milano, o ancora Il taglio del bosco opera vincitrice del Premio  del Golfo ed entrata così nella collezione del CAMeC di La Spezia.

Delle opere di grande formato, eseguite in particolare a partire dal 1962, è in mostra la grande tavola La Sacra di San Michele - esposta per la prima volta al pubblico - un'opera che riassume e anticipa le soluzioni stilistiche che verranno. 

Il percorso espositivo non si limita al solo Archivio di Stato, ma prosegue idealmente anche nel territorio della Valle di Susa: a Rubiana la Biennale Fiabe e Boschi celebrerà nel 2022 la X edizione con mostre e iniziative diffuse nelle borgate, visite alla casa di famiglia e alla Pinacoteca comunale intitolata a Tabusso. La collezione negli anni si è arricchita grazie al coinvolgimento di numerosi artisti piemontesi, rinnovando così la vocazione culturale del paese, legato a personaggi come Dino Campana, Felice Casorati, Italo Cremona e Francesco Menzio. Da visitare anche in alta Valle, a Susa, il Museo Diocesano dove si può ammirare la grande tavola Il volto di Cristo realizzato nel 1997 e donato dall'artista al costituendo Museo nell'anno dell'incendio che colpì la Cappella della Sindone.