Scenari
08:51, 23 lug 2021

Conoscenza finanziaria, i genitori vogliono che i loro figli ne abbiano più di quella che hanno avuto loro

Condividi
Getty Images
Getty Images

A cura di FEduF

Alcune nostre abitudini sono profondamente cambiate durante la pandemia che ha avuto un forte impatto sia sulla nostra quotidianità sia sul modo di pensare al futuro. Così secondo una ricerca commissionata dalla Bank of America oggi i genitori, alla luce della pandemia, darebbero un sostegno finanziario maggiore ai loro figli e sarebbero più motivati a trasmettere molte più conoscenze finanziarie rispetto a quelle che loro hanno avuto. 

Il sondaggio online è stato condotto da una società di ricerche di mercato indipendente su 2.000 intervistati classificati come "benestanti" negli Stati Uniti, dei quali 1.456 genitori attuali e futuri. Gli intervistati di età tra i 18 e i 24 anni hanno una disponibilità economica compresa tra 50.000 e 1 milione di dollari, mentre gli intervistati oltre i 24 anni tra 100.000 e 1 milione.

Circa un terzo dei genitori (31%) dichiara di sostenere maggiormente, dal punto di vista economico, i propri figli più ora di quanto non facesse prima della pandemia e inoltre sia chi è già genitore sia chi lo diverrà in futuro si dice disposto a spendere di più per gli eventi della vita, come l'istruzione universitaria e il matrimonio, mentre è più morigerato rispetto ai consumi quotidiani.

La maggioranza dei genitori (77%) ha poi confermato di sospendere l'aiuto economico ai figli una volta che questi hanno raggiunto determinati obiettivi come aver un buon stipendio o aver cominciato un'attività lavorativa.

Il 70% dei padri e il 66% delle madri, sia attuali sia futuri, manifesta apertamente il desiderio di ricevere assistenza dai propri figli durante la vecchiaia: ci si aspettano le cose più semplici e comuni come piccoli aiuti nelle faccende quotidiane come fare la spesa o un po' di compagnia, come un invito a cena o andare insieme a fare la spesa.

Più della metà di entrambi i gruppi di genitori e non genitori conferma di aver ricevuto in famiglia i rudimenti e le prime nozioni finanziarie: queste si sono concentrate soprattutto su alcuni aspetti come risparmiare denaro, compilare correttamente un assegno, impostare un budget per pianificare le spese e imparare a dare la giusta priorità alle uscite e alle entrate. In famiglia poi si sono affrontate anche questioni leggermente più complicate come la gestione delle carte di credito e la pianificazione del risparmio come investimento pensionistico.