Notizie
17:39, 15 nov 2022

Agritech: sono Vax, Olivami e Xfarm i tre vincitori della call "Rinascere dalla Xylella"

Premiati i progetti riguardanti la prevenzione della diffusione del contagio tramite una tecnologia innovativa basata sule vibrazioni, l'adozione di ulivi a distanza per sostenere gli agricoltori locali e la diversificazione del paesaggio e della produzione. Obiettivo dell'iniziativa promossa dal gruppo Sella e dall'Università del Salento, con il patrocinio della Regione Puglia, era di individuare idee e progetti innovativi per il rilancio dell'economia e del territorio pugliese

Condividi
I vincitori della call
I vincitori della call

Sono Vax, Olivami e Xfarm i vincitori della call for ideas "Rinascere dalla Xylella", l'iniziativa lanciata ad aprile da Banca Sella e dall'Università del Salento, con il patrocinio della Regione Puglia, in partnership con la piattaforma di innovazione per startup e imprese Sellalab e con dpixel, il venture incubator del gruppo Sella. Obiettivo della call era individuare e sviluppare idee e progetti innovativi per il rilancio dell'economia e del territorio pugliese attraverso soluzioni in grado di contrastare e ridurre il contagio da Xylella, rigenerando i terreni colpiti.

Vax si è aggiudicato il premio nella categoria "team di ricercatori". L'idea cardine del team brindisino, composto da tre persone, è quella di manipolare il comportamento della Philaenus Spumarius (Sputacchina), l'insetto vettore della Xylella, inducendo una riduzione degli accoppiamenti tramite una innovativa tecnologia basata sulle vibrazioni.

Nella categoria "startup" ha vinto il premio Olivami, realtà di Martano (Lecce) che promuove la riforestazione post Xylella attraverso un innovativo modello di olivicoltura sostenibile e partecipativa, consentendo a chiunque di adottare a distanza uno o più olivi salentini e di sostenere conseguentemente gli agricoltori locali.

Tra le "Pmi" il premio è andato a Xfarm, di San Vito dei Normanni (Brindisi), il cui progetto interviene sull'impatto territoriale promuovendo una diversificazione del paesaggio e della produzione, puntando a riforestare i terreni colpiti con una agri-foresta fatta di alberi, piante perenni e altre specie. L'autosufficienza viene garantita attraverso la vendita dei prodotti e la valorizzazione del nuovo spazio creato.

I 3 progetti vincitori, uno per ogni categoria individuata dalla call (team di ricercatori e studenti universitari, startup e team imprenditoriali, e Pmi) si sono aggiudicati un premio di 10mila euro messi in palio da Banca Sella. Le realtà vincitrici avranno inoltre la possibilità di accedere allo Startup Incubation System di dpixel, di lavorare in uno degli hub Sellalab presenti sul territorio italiano, di utilizzare i laboratori e le attrezzature dell'Università del Salento, di ricevere la consulenza gratuita fornita dagli Innovation Financer di dpixel e la possibilità di integrare la propria soluzione all'interno dell'offerta delle aziende del territorio e dei partner che hanno partecipato alla call.

All'iniziativa si sono candidati complessivamente 40 progetti, dei quali 36 provenienti dall'Italia (29 in particolare dalla Puglia), mentre 4 sono state le candidature giunte dall'estero (Spagna, Portogallo, Egitto e Sudafrica). Un comitato composto da esperti dell'Università del Salento, Banca Sella, Sellalab e dpixel ha ammesso alla fase finale 9 progetti innovativi che hanno beneficiato in questi mesi di una fase di accompagnamento per perfezionare il modello di business cui è seguito il "matching" delle soluzioni sviluppate con le aziende del territorio.